La certificazione SSAE 16 per i servizi in outsourcing

ssa16Oggi le imprese tendono ad esternalizzare molti processi ed attività secondarie al fine di ottimizzarne i costi e la qualità del servizio risultante che, se svolto da personale specializzato, è spesso superiore a quella ottenibile con personale interno.

Alcune di queste attività – ad esempio la gestione delle paghe e del personale, l’acquisizione di documenti e dati in formato digitale e la relativa archiviazione sostitutiva, la gestione contabile e fiscale, i servizi informatici, ecc. – prevedono la gestione di informazioni critiche dal punto di vista della riservatezza e degli aspetti legali e di compliance ad essi correlati.

Per questo motivo alcune aziende internazionali – multinazionali o grandi gruppi con sedi all’estero, in particolare negli Stati Uniti – richiedono, alle loro filiali o consociate italiane, evidenza della buona gestione dei servizi affidati in outsourcing.

Per le aziende soggette a tale standard la Sezione 404 del Sarbanes-Oxley Act (SOX) richiede che i fornitori di servizi in outsourcing siano provvisti di una particolare certificazione, il Report SSAE 16, per garantire che controlli e processi interni siano appropriati alla gestione delle informazioni dei propri clienti.

La crescente richiesta di servizi in outsourcing pone, quindi, l’esigenza da parte delle organizzazioni che forniscono servizi in outsourcing delle tipologie sopra elencate (payroll, contabilità, gestione documentale, …) di fornire ai propri clienti e ad altri soggetti un rapporto di revisione completo sui sistemi di controllo e sui processi, al fine di assicurare che i servizi erogati alla clientela siano sicuri e conformi a uno standard riconosciuto.

La certificazione SSAE no. 16 è il nuovo standard per effettuare la reportistica sui controlli nelle aziende di servizi – sostituendo la precedente SAS no. 70 – e risponde alla domanda crescente di disporre di regole conformi a standard internazionali riconosciuti in tutto il mondo, migliorativi rispetto ad una semplice certificazione ISO 9001.

Il report SSAE 16 (Statement on Standards for Attestation Engagements no. 16) viene rilasciato da auditor indipendenti qualificati dall’AICPA (dall’American Institute of Certified Public Accountants) dopo un articolato processo di analisi dei processi interni, confronto degli stessi con un’apposita matrice di controlli che produrrà una gap analysis la quale costituirà il punto di partenza per portare, attraverso l’introduzione di idonei controlli ed apposita documentazione procedurale, alle verifiche di efficacia dei controlli implementati atti  a garantire l’adeguatezza degli stessi e delle informazioni processate.

Il report SSAE 16 costituisce un’esaustiva fotografia del funzionamento dell’organizzazione di servizi e dei controlli implementati per garantire non solo la conformità del servizio, ma anche la sicurezza nella gestione dei dati elaborati.

Il processo che porta alla certificazione SSAE 16 comprende una dettagliata mappatura dei processi organizzativi e dei flussi informativi che permette di effettuare la mappatura degli obiettivi di controllo, delle criticità e dei rischi, finalizzata alla valutazione dei rischi (risk assessment), imprescindibile punto di partenza per qualsiasi sistema di controllo interno.

Sebbene questo schema SSAE 16 ricalchi per alcuni elementi la certificazione ISO 9001 e la certificazione ISO 27001, esso presenta una valenza particolare in determinati settori e costituisce il logico completamente in un percorso di miglioramento e di qualificazione dell’organizzazione di servizi nei confronti del cliente.

Pile of File FoldersTale certificazione, si ribadisce, è rivolta in particolare alle seguenti organizzazioni di servizi:

  • Servizi di gestione paghe del personale
  • Acquisizione dati e documenti in formato digitale
  • Conservazione sostitutiva
  • Servizi contabili e fiscali
  • Servizi di assistenza e sviluppo software.
image_pdfimage_print